Vantaggi di IO-Link: maggiore efficienza, costi ridotti
Vantaggi di IO-Link: maggiore efficienza, costi ridotti

Efficienza e risparmio – i vantaggi di IO-Link

L'interfaccia di comunicazione IO-Link offre vantaggi tangibili: installazione rapida ed economica, diagnosi continua e sostituzione rapida dei sensori parametrizzati da una posizione centrale. Tutto ciò rende l'architettura più flessibilità e aumenta l'efficienza dell'automazione.

IO-Link è semplice da installare

Per IO-Link è sufficiente un cavo industriale standard a tre o quattro conduttori. In questo modo è possibile integrare rapidamente l'interfaccia standard ed uniforme nel mondo dei bus di campo. Anche i dispositivi più complessi possono essere facilmente integrati. La particolarità sta nel fatto che la comunicazione digitale garantisce immunità alle interferenze anche senza costosi cavi schermati. Contemporaneamente, i segnali analogici vengono digitalizzati senza perdite di conversione.

IO-Link aumenta la disponibilità delle macchine

IO-Link consente di sostituire i sensori in modo rapido e senza errori e di ridurre i tempi di ripartenza del sistema. I tempi di fermo-macchina vengono notevolmente ridotti, poiché i parametri di un sensore IO-Link sostituito vengono trasferiti automaticamente dall'IO-Link-Master o dal sistema di controllo al nuovo sensore. Messe in funzione, cambio formato o cambi di ricetta vengono richiesti in modo centralizzato mediante i moduli funzionali del controllo. In questo modo si risparmia tempo e si riduce al minimo il rischio di errore. Un ulteriore vantaggio per voi: I dispositivi IO-Link non possono essere scambiati, in quanto vengono identificati automaticamente tramite IO-Link.

IO-Link consente una manutenzione orientata alla richiesta

Una continua diagnosi dell'intero processo prolunga gli intervalli di manutenzione, poiché gli impianti e le macchine necessitano di una manutenzione decisamente meno frequente grazie alla regolazione automatica mediante IO-Link. Inoltre adesso è possibile un riconoscimento errori preventivo, perché tutti i parametri di processo vengono riportati in modo continuo al controllo.

IO-Link rende il funzionamento più efficiente

I sensori IO-Link possono essere interfacciati nella macchina direttamente in campo e l'accessibilità dei sensore non è più indispensabile. Questo è ottimale in termini di tecnologia di processo, infatti, da questo momento il monitoraggio dei processi, la parametrizzazione e l'analisi degli errori dei sensori IO-Link avvengono nel controllo. I cicli della macchina vengono in tal modo ottimizzati per quanto riguarda i tempi. Inoltre, sono esclusi ritardi e distorsioni del segnale. La trasmissione digitale dei dati garantisce inoltre un'elevata qualità del segnale. IO-Link consente di adempiere con semplicità ai requisiti di applicazione globali. Infatti i dispositivi binari e analogici possono essere impiegati contemporaneamente con sensori e attuatori IO-Link.

Rete punto-punto ad alte prestazioni

I concetti di controllo con IO-Link forniscono soluzioni semplici e universali per una connessione punto-punto ad alte prestazioni. Si beneficia di un interfaccia universale a basso costo, più flessibili che mai.

Parliamo la lingua IO-Link

I vantaggi di IO-Link sono evidenti: facilità di installazione, elevata disponibilità delle macchine, manutenzione orientata alle esigenze, funzionamento efficiente e una potente rete punto-punto. In qualità di partner dedicato per l'automazione industriale, Balluff non solo offre una vasta gamma di prodotti e servizi (dispositivi come i master IO-Link, gli hub IO-Link e i sensori) , ma sviluppa anche insieme a voi soluzioni per l'automazione industriale che sono esattamente su misura per le vostre esigenze e possono essere utilizzate in tutto il mondo.

Esempi

  • Migrazione dei bus di campo

    IO-Link garantisce un elevato fattore di standardizzazione

    Plug-and-Play in tutte le reti

    In qualità di costruttore di impianti e macchinari, operate sul territorio internazionale. Pertanto i nostri prodotti devono adattarsi alle condizioni dei vari paesi ed essere applicabili ai diversi fieldbus presenti sul mercato.

    Per qualsiasi architettura di rete, con IO-Link vale lo stesso concetto d' installazione sul campo.
    A prescindere dallo standard di mercato, che sia base Profibus, Profinet, Devicenet, Ethernet/IP, EtherCAT, CC-Link o CC-Link IE/Field per adattare il sistema al bus di campo si sostituisce solo il master e si può continuare a lavorare senza problemi con schemi circuitali quasi identici - senza ulteriori sforzi.

  • Automatizzazione robot

    Basta un semplice connettore M12

    Beneficiate di tempi di inattività minimi

    I moderni impianti robotizzati richiedono molti sensori – soprattutto nel braccio dei robot. Questo deve avere però poca massa, per garantire la dinamica e poter ridurre al minimo il consumo energetico. Inoltre, il complesso cablaggio con cavi multipolari mette a dura prova l'efficienza.

    Grazie a IO-Link queste difficoltà appartengono al passato. Un collegamento standard M12 è tutto ciò di cui avete bisogno per garantire il funzionamento - senza connettori speciali. Moduli I/O ed eventuale pacco valvole vengono facilmente interconnessi riducendo la complessità.

    Realizzate un rapido cambio utensile con accoppiatori induttivi che trasmettono dati ed energia simultaneamente attraverso un traferro senza contatto. Il nuovo utensile si può prontamente collegare Plug-and-Play e tramite IO-Link parametrizzare in automatico. Non lottate più contro la rottura dei cavi, ma approfittate di un'elevata flessibilità e di tempi di inattività minimi.

    1. master IO-Link, 2. cavo bus di campo, 3. cavo di alimentazione, 7/8", 4. accoppiatore induttivo 40 × 40 mm, base, IO-Link, bidirezionale, 5. accoppiatore induttivo 40 × 40 mm, remoto, IO-Link, bidirezionale, 6. hub sensore M12, configurabile, I/O con estensione, 7. connettori per pacchi valvole IO-Link (Festo, Bosch Rexroth), 8. hub sensore M12, 16 ingressi, PNP, 9. cavo di collegamento, M12 → M12, 4 fili

  • Architettura di decentralizzazione

    Compressione e raccolta dei segnali I/O

    Ridurre al minimo le installazioni critiche

    Con IO-Link vi serve un solo indirizzo nodo/IP per trasmettere fino a 496 input/output. Con la compressione dei dati risparmiate preziosi indirizzi e riducete al minimo installazioni critiche.
    L'hub sensori/attuatori IO-Link con porta di ampliamento definisce lo standard in questo campo. In combinazione con il master IO-Link, vi offre possibilità completamente nuove per l'espansione decentralizzata della vostra topologia di rete. Poiché a questa porta si possono semplicemente collegare connettori per pacchi valvole o un ulteriore hub IO-Link Plug-and-Play. In questo modo è possibile elaborare ulteriori ingressi/uscite senza l'ausilio di ulteriori master.

    Configurazione di fino a 496 I/O

    Con un Master IO-Link 16 porte si possono configurare fino a 496 I/O. La portata viene raddoppiata ed i costi vengono notevolmente ridotti.

    Per implementare questa struttura di rete, è sufficiente un cavo standard non schermato. Ciò consente di sfruttare appieno la funzionalità IO-Link, ridurre i costi di cablaggio e risparmiare denaro.

    1. master IO-Link 2. cavo bus di campo 3. cavo di alimentazione, 7/8" 4. hub sensore IO-Link configurabile, I/O con ampliamento 5. connettori per pacchi valvole IO-Link IO-Link (Festo, Bosch Rexroth) 6. connettori per pacchi valvole IO-Link (SMC, Parker, Norgren) 7. connettori per pacchi valvole IO-Link (Numatics) 8. cavo di collegamento M12 → M12, a 4 fili

  • Tracciabilità dei dati

    Massima trasparenza per un processo ottimale

    Garanzia di qualità

    La combinazione intelligente della tecnologia RFID e dei sensori con IO-Link vi consente di risolvere il vostro compito di identificazione e allo stesso tempo di elaborare i segnali in modo economico.

    Ai fini della garanzia della qualità, i sistemi RFID registrano l'intero processo di produzione e lo rendono tracciabile in tempo reale. Tutti i dati vengono documentati direttamente sul pezzo o sul pallet, indipendentemente dalle condizioni ambientali, dalle distanze di lettura/scrittura e dalle tecnologie (bassa frequenza - LF, alta frequenza - HF, altissima frequenza - UHF).

    A seconda del volume e della velocità dei dati, offriamo diversi dispositivi quali il processore BIS V per l'elaborazione rapida di grandi volumi di dati che consente di utilizzare contemporaneamente testine di lettura/scrittura LF, HF e UHF.

    Per i compiti di identificazione standard, un master IO-Link è adatto al collegamento di moduli I/O o sensori/attuatori IO-Link. Così, ad esempio, ogni singolo passo di produzione può essere rappresentato ulteriormente con la lampada di segnalazione SmartLight.

    1. Profinet, 8× master IO-Link 2. cavo Profinet, M12 → RJ45, schermato 3. Cavo Profinet, M12 → M12, schermato 4. cavo di alimentazione, 7/8", a 4 fili 5. Industrial RFID, unità di analisi Profinet 4x, 1 × master IO-Link 6. Industrial RFID, testina di lettura/scrittura 7. Industrial RFID, supporto dati 8. hub sensore M12 (metallo), 16 I/O, configurabile 9. IO-Link - SmartLight, 3 segmenti 10. cavo di collegamento M12 → M12, a 4 fili 11. Cavo di collegamento RFID, M12 → M14, schermato, a 4 fili

  • Misurazione, controllo e regolazione

    Gestire correttamente i fluidi oleodinamici

    Esempio di alimentazione oleodinamica per un cilindro idraulico

    Con IO-Link e semplici cavi standard non schermati si garantisce la corretta alimentazione dei fluidi di processo. Tutto ciò che serve è un master IO-Link per registrare e trasmettere i dati. Per l'intero circuito di controllo del modulo master viene quindi utilizzato un solo indirizzo bus.

    Ad esempio, per l'alimentazione dell'olio di un cilindro idraulico, è possibile misurare, controllare e regolare tutti i componenti coinvolti - sensore di pressione, temperatura e flusso, regolatore variabile, valvola di controllo e il cilindro idraulico stesso - in modo completamente automatico. In questo modo si garantisce un afflusso ottimale di olio.

    I sensori misurano la portata, la temperatura e la pressione dell'olio. Questi dati vengono inoltrati continuamente attraverso il master al regolatore variabile, che li confronta con il valore nominale e, se necessario, avvia la rielaborazione e fornisce un riscontro al master.

    Ora è possibile comandare correttamente il cilindro idraulico tramite la valvola di comando. Anche queste informazioni vengono trasmesse dal master al controllo, che genera i comandi per il cilindro idraulico e le servovalvole. Attraverso il master, di nuovo, questi comandi vengono inviati in loco. La particolarità: l'intero circuito di comando può essere posato con cavi a tre o quattro conduttori non schermati.

    1. Profinet, 4 × master IO-Link 2. cavo Profinet, M12 → M12, schermato 3. cavo di alimentazione, 7/8 ", 4 fili 4. Sensore di pressione IO-Link 5. trasduttore di posizione Profinet BTL7, lunghezza max. 7620 mm 6. convertitore analogico IO-Link, ingresso 0...10 V DC 7. convertitore analogico IO-Link, uscita 0...10 V CC 8. hub sensore M12, analogico 0...10 V CC, digitale 9. cavo di collegamento M12 → M12, a 4 fili 10. cavo di collegamento M12 → M12, schermato, a 4 fili 11. magnete per trasduttore di posizione 12. cavo di alimentazione, M12, a 4 fili

  • Segnalazione

    Diagnosi continua degli stati di funzionamento

    Regolabile senza modifiche meccaniche

    Se il processo di produzione deve essere visualizzato senza soluzione di continuità direttamente sulla linea di produzione, la lampada di segnalazione SmartLight offre la soluzione perfetta. Poiché la SmartLight visualizza andamenti e tendenze, per poter controllare ininterrottamente i diversi stati. Ciò ottimizza i tempi di ciclo e indica con dovuto anticipo cali produttivi o attività di manutenzione.

    Le particolarità: le diverse modalità – scroll automatico, segmenti e livelli – possono essere impostati senza modifiche meccaniche. Tramite il controllo è possibile selezionare il gioco di luci o la visualizzazione fino a cinque segmenti di diversi colori.

    Altrettanto importante da sapere: la SmartLight può essere potenziata in modo semplice.

    1. master IO-Link 2. cavo bus di campo 3. cavo di alimentazione, 7/8". 4. SmartLight IO-Link, 5 segmenti e avvisatore acustico 5. cavo di collegamento M12 → M12, a 4 fili 6. stativo per IO-Link-SmartLight, altezza 400 mm 7. stativo per IO-Link-SmartLight, altezza 100 mm

  • Montaggio e handling

    Un ripartitore di rete per compiti complessi

    I moduli possono essere ridotti

    Sia che vogliate raccogliere segnali, comandare impianti pneumatici, registrare e tracciare dati o visualizzare condizioni di funzionamento con la lampada di segnalazione SmartLight un ripartitore di rete risolve tali compiti complessi fungendo da collettore dati per tutte le funzioni analogiche, le applicazioni RFID, il controllo valvole, la segnalazione e gli I/O decentralizzati.

    Per ogni segmento produttivo basta un IO-Link-Master. In questo modo è possibile ridurre il numero di moduli diversi e selezionare e deselezionare le opzioni di sistema. Ciò vi apre la strada a una grande flessibilità e si risparmia denaro. Al contempo un IO-Link-Master è estremamente efficiente, raccoglie ulteriori punti di forza grazie a funzioni aggiuntive come display, switch integrato e web server, che lo rendono particolarmente facile da usare.

    1. master IO-Link 2. cavo bus di campo 3. cavo di alimentazione, 7/8" 4. hub sensore M8, 16 ingressi, PNP 5. connettori per pacchi valvole IO-Link (Festo, Bosch Rexroth) 6. IO-Link-SmartLight, 3 segmenti 7. Industrial RFID, testina di lettura/scrittura 8. Industrial RFID, supporto dati 9. cavo di collegamento M12 → M12, a 4 fili 10, cavo di collegamento RFID, M12 → M14, schermato, a 4 fili

Per saperne di più su IO-Link Balluff

Industria 4.0 Ampia competenza per l'automazione industriale

Tecnologia di rete di industriale Reti con IO-Link

Safety over IO-Link La sicurezza nella qualità Balluff

Assicurazione qualità Migliorare i processi, garantire la qualità